Premiazione Storie di Quartiere – 2006

Novembre 25th, 2006 No Comments

Comunicato Stampa

La redazione con preghiera di pubblicazione
Si è svolta martedì 21 novembre alle ore 16,00 presso la Sala Dante la premiazione dei vincitori del concorso STORIE DI QUARTIERE, terza edizione, Viaggio nei quartieri spezzini tra memoria e fantasia; promosso da ATC La Spezia, Associazione AIDEA, e Comune della Spezia. Per la presente edizione l’appuntamento si colloca nell’ambito dei festeggiamenti previsti per il centenario della nascita della filovia.
Sono intervenuti il Presidente ATC Enrico Sassi, il Sindaco Giorgio Pagano, l’assessore alle Politiche di Welfare Municipale Cinzia Aloisini, l’Assessore al Decentramento e Partecipazione corrado Mori e tutti i membri della giuria.
Hanno promosso l’iniziativa ATC La Spezia, Comune della Spezia (Assessorato alle Politiche di Welfare Municipale, Assessorato al Decentramento e Partecipazione, Assessorato alle Politiche Giovanili, Assessorato ai Servizi Educativi dell’Infanzia), Associazione Aidea con la collaborazione di scrittori spezzini e giornalisti dei quotidiani La Nazione, il Secolo XIX e TeleLiguriaSud.Per la terza edizione (2006) il concorso si è articolato in quattro sezioni:

A (singoli)
B (gruppi)
C (giovani)
D (scuole)

Composizione della giuria: Presidente ATC Enrico Sassi, Sindaco Giorgio Pagano, Maurizio Giacomelli (Assessore Provinciale), Avv. Umberto Burla (ACI), avv. Piergino Scardigli (Museo dei Trasporti), Renzo Fregoso (poeta), Gabriella Tartarini (Dir. Scolast.), Patrizia Bertozzi (Secolo XIX), Enrico Colombo (TeleLiguriaSud), Rosanna Volpi (Centri sociali Anziani), Mariella Fragapane e Dora Tocco (Associazione AIDEA) ; sez.D-scuole: Lucia Castiglia, Adria Corradi, Giuseppina Franconi.
Per quanto riguarda la sez. A (adulti) la partecipazione è stata notevole. I temi più frequenti sono rappresentati da memorie legate al trasporto filo tranviario e alla sua trasformazione, luoghi e momenti dell’infanzia, storie di personaggi popolari o di eventi storici; antiche tradizioni, legami di solidarietà e impegno sociale, ma anche vicende sentimentali nella cornice dei quartieri spezzini.
Particolarmente consistenti sono state le testimonianze dei Centri sociali anziani (sezione B) che, riuniti in gruppo, hanno dato vita a storie “corali”. Sono stati rievocati episodi attuali e tradizioni del passato: gli anziani dei Centri (Piazza Brin, Favaro, Mazzetta, Fabiano, Fossitermi), coadiuvati dagli animatori dell’Aidea, hanno richiamato alla mente gli anni della gioventù, o sviluppato considerazioni sui mezzi di trasporto; quest’anno anche il Centro estivo del Parodi e la casa di riposo “Mazzini” hanno offerto il loro contributo. Infine dal Centro diurno Gabbianella la simpatica rievocazione della storia di casa Massà e delle sue protagoniste, le sorelle Massà
Per la sezione C (giovani) “La città del futuro: 2056, il mio quartiere, racconti in movimento” di genere fantastico-fantascientifico, i giovani si sono cimentati in lavori particolarmente interessanti dal punto di vista letterario, prefigurando insoliti e inquietanti scenari di sviluppo del trasporto pubblico.
Infine per quanto riguarda le scuole (sez. D) la presenza più numerosa è rappresentata dalle scuole comunali dell’infanzia che hanno realizzato simpatici pannelli.

Questi i risultati:

Sez. A

Tema: Viaggio nei quartieri spezzini tra memoria e fantasia


1° Premio assoluto

al racconto Tram – vista di Tiziana Cecchinelli 300 EURO
Novella primo-Novecento, elegante e di struttura semplice ed allo stesso
tempo sofisticata. Narra in un certo senso il percorso di formazione di un giovane.

2° Premio
al racconto Avanti c’è posto di Paolo Bassani
La scrittura del poeta Paolo Bassani si connota di nostalgia e di rispetto di antichi valori. Come è testimoniato dalla presenza dei suoi scritti, selezionati in tutte e tre le edizioni del nostro premio, scrive una storia autobiografica con al centro il suo amato quartiere della Chiappa.

3° Premio
al racconto Il bus azzurro di Aurora Natale Boni
Originale rievocazione degli anni di formazione di un artista. Un pezzo di storia spezzina e di evoluzione della rete stradale e dei mezzi di trasporto trattato con originalità, amore per il territorio e sensibilità: abilmente inserite descrizioni di personaggi autentici ed espressioni dialettali.


Premi speciali

Premio speciale per l’ adesione sentimentale a l tema proposto al racconto

La tana dei filobus di Roberto Baldelli.
L’ Autore costruisce un piacevole racconto in cui viene approfondito, con una scrittura sentimentalmente ricca, l’aiuto che un uomo dà al proprio nipotino nella lettura della città e dei mezzi di trasporto che in essa si muovono in chiave fantastica.

Premio speciale per il Centenario ATC
al racconto L’uomo che gareggiava col tramway
di Lorino Trimarchi; ambientata nel 1906, puntuale e saporita ricostruzione d’atmosfera con romantica storia d’amore nella Spezia di inizio secolo.
Mescola vicende umane e primi passi di questo fortunato mezzo di locomozione che è il tram.

Premio speciale per l’autenticità dei contenuti
al racconto Tragicomica avventura di un’accanita utente del mezzo pubblico
di Cinzia Forma Un’originale figura di “profe” ironica e spiritosa alle prese con i mezzi pubblici di cui è strenua sostenitrice.

Premio speciale per l’uso del dialetto
al racconto Il tram nei quartieri (A reserva’ de besagnine)
di Carla Costa: Si racconta la storia di una bambina spaventata dal rumore del tram

Infine si segnala che l’avv.to Umberto Burla, il prof. Spartaco Gamberini e lo scrittore Renzo Fregoso hanno inviato fuori concorso un racconto che verrà pubblicato nel libro che uscirà il prossimo anno.

Segnalazioni di merito:
Bodrato Chiara, Bonfigli Roberta, Bonsignori Licia, Bucci Sara, Campi Rosanna, Cardone Emilia, Chiappini Gianluca, D’Asaro Sergio ,Ercolini Francesca, Feltrinelli Daniela, Forma Cinzia ,Gamberini Vezzoni Giulietta ,Grillo Egle, Lattanzio Giovanna, Lombardo Claudia, Luvisotti Giuliano, Martini Maria ,Nieddu Giovanni, Lidia Pais, Piastri Pino,Puccini Paola, Quadrini Adele, Ravecca Pietro, Romano Antonella, Saione Linda ,Sponchiado Anastasia ,Tarolla Anna Maria ,Tognetti Sergio ,Toti Angela ,Turchetti Lutman Beatrice, Virgona Elisa e Zanicchi Massimo.

Sez. B (gruppi)

1° Premio ex aequo
Centri sociali
Centro sociale Fossitermi con il racconto Carosello di ricordi scritti di Licia Bonsignori, Vera Callegari, Francesca Ercolini, Lidia Pais, Angela Quartieri, Pietro Torre, EgleGrillo, Velia Della Zoppa.
Centro sociale piazza Brin con il racconto Al lavoro in tram
testo raccolto e rielaborato da Mariella Fragapane e Dora Tocco


2º Premio ex aequo

Centro diurno Gabbianella con il racconto Casa Massà
testo raccolto e rielaborato da Roberta Bonfigli
Soggiorno estivo del Parodi con il racconto L’autobus che va al Parodi
testo raccolto e rielaborato da Elvira Reale e Gabriella Peroni

3° Premio ex aequo
Centro sociale di Mazzetta con il racconto Quando le donne facevano le tranviere
con testimonianza di Edy Landi Roso, raccolto e rielaborato da Elvira Reale,
Centro sociale di Fabiano con il racconto Chi pè pè e chi ne pè va a pè,
raccolto e rielaborato da Simona Bertolini
Centro sociale di Favaro con il racconto Un mezzo per ogni stagione.
Scritti di Erasma Cattoi, Ismene Cozzani, Giuliano Piconcelli, Anna Stretti, Maria Dati, testo raccolto e rielaborato da Elvira Reale

Premio speciale
Casa di riposo Mazzini Lettera a mia madre
Testo raccolto e rielaborato da Anna Maria Robba

Sez C Giovani :
Genere fantastico fantascientifico Riservato ai i giovani da 14 a 30 anni:

La città del futuro: 2056, il mio quartiere, racconti in movimento.

1° Premio assoluto
Al racconto La pista pensabile
di Filippo Lubrano,arguta e ironica l’idea della “PISTA PENSABILE” da sottoporre a controllo. Il futuro che ci attende non è confortante,ma “chi vive nei pensieri non muore mai”

2° Premio
Al racconto Linea superveloce 1906
di Dario Mazzola il futuro è come l’abbiamo immaginato:una Città Unica con uomini ridotti a numeri nell’ambito di una tecnologia avanzatissima

3° Premio
Al racconto Nuova ATC remembering
di Luis Checcacci De Angelis, originale l’idea di una futura A.T.C. che offre alle famiglie un improbabile servizio “REMEMBERING” per rivivere il passato

Premi speciali
Al racconto La vita è sogno ? Bizzarra avventura nel centro città
di Chiara Valenzano Prosa veloce e qualche citazione dotta nel doppio sogno di una ragazza in bilico fra presente e futuro.

Al racconto Il gatto del destino di Nicola Toselli

Storia d’amore fra due giovani con la complicità del tenero gattino Pegaso

Sez. D scuole

1° Premio
Scuola dell’Infanzia, Vicci all’opera Vicciland per l’originalità e la creatività dimostrata, per aver saputo esprimere bisogni e desiderata dei bambini utilizzando il tema come pretesto (suggeriscono ad ATC la scala mobile e una seggiovia come mezzi alternativi) e per aver saputo rappresentare il quartiere e la città.

2° Premio
alla Scuola dell’infanzia comunale 2 Giugno, plastico, disegni e documentazione fotografica. Il progetto caro filobus ha accompagnato i bambini a scoprire lo spazio urbano e sociale in cui vivono, ad esplorarlo e a riflettere i luoghi delle loro esperienze di vita.

3° Premio
alla Scuola Primaria Statale di Pegazzano con 2 pannelli dal titolo: Caro vecchio filobus.

Be Sociable, Share!

Leave a Reply